Text Size

Il grande fiume Po

Si muove lento
maestoso
attratto dal mare.
Accarezza le sponde
crogiolandosi al sole.
Tiepido è il giorno
il cielo sereno.
La gente lo ammira
come sempre
incantata.

Ma quando tutto s’abbuia
con nuvole piene di pioggia
e il vento sibila forte
le onde s’ingrossano
e sbattono le barche ormeggiate.
Allora nessuno è tranquillo.

Già a metà Novecento
aveva tradito
la terra polesana.
La pioggia caduta abbondante
a monte
ne aveva aumentato
la regolare portata.
Il fiume in piena
sfidava gli argini
alti
sui fianchi.
Ma un’ondata inattesa
rompendo ogni difesa
aveva allagato
con imprevedibili vortici
la circostante pianura.

Erano stati giorni tremendi
le case allagate
il bestiame disperso
la gente sui tetti
in attesa d’aiuto.
Ingenti danni alle cose
i raccolti distrutti
una distesa d’acqua uniforme
e tanta paura.

Rialzate le barriere
e rese più forti
nuovo amore esplose
per tanto splendore.

Ora il fiume
placido
si finge domato
ma è sempre in agguato.

(maggio 2014)

Rivista "EX"

Il periodico “EX” è la rivista dell’Associazione Emofilici e Talassemici di Ravenna.
Tutto ciò che è contenuto in questo sito è stato prima pubblicato su “EX”.
“EX” è stato fondato nel 1974 da Vincenzo Russo Serdoz, “un grande uomo”, che la malasanità italiana ci ha strappato prematuramente.
Dal 1982, “EX” è diretto da Brunello Mazzoli.

Per saperne di più

Login Form