Text Size

A mio padre

Mille giorni
da quando sorridente
tra le atroci torture
di un male ingeneroso
a me
spettatore atterrito
nel silenzio cupo
dei tuoi giorni ingrati
a me
chiedevi
con trepido affanno
il perché del nostro ultimo amore.
Mille giorni d’ascesa
e di tormento
nel tuo nome puro
e nel ricordo lucido
della tua umana fede.
Mille giorni
ore infinite
istanti interminabili.
Ma tu sei qui
al mio fianco
fiero
come lo eri in vita
e negli occhi tuoi
scintillanti
io specchio
riconoscendomi
il mio passato e il mio presente        
e intravedo il mio futuro.            
Mille giorni sono passati.
Giorni nuovi
più chiari
ma tu non ne vedi la luce.
Non importa.
in me tu vivi.
Una vita eterna
se anch’io
nel tuo ricordo
lascerò a qualcuno
il ricordo di me.


(settembre 1960)

 

Torna all'indice

Rivista "EX"

Il periodico “EX” è la rivista dell’Associazione Emofilici e Talassemici di Ravenna.
Tutto ciò che è contenuto in questo sito è stato prima pubblicato su “EX”.
“EX” è stato fondato nel 1974 da Vincenzo Russo Serdoz, “un grande uomo”, che la malasanità italiana ci ha strappato prematuramente.
Dal 1982, “EX” è diretto da Brunello Mazzoli.

Per saperne di più

Login Form